Il problema della verità nei filosofi antichi
Il problema della verità nei filosofi antichi
Il problema della verità nei filosofi antichi
Il problema della verità nei filosofi antichi

Il problema della verità nei filosofi antichi

Non disponibile
15,30 €


 

ABSTRACT

L'autore ha voluto indagare, con il presente lavoro, il modo in cui si afferma e si articola nei suoi vari aspetti, presso i filosofi antichi, la teoria della verità come adaequatio, che il dottore Angelico attribuisce al filosofo ebraico Ysaac ben Israeli. Il risultato di questa ricerca è che tale concetto si può già riscontrare qua e là nei filosofi presocratici e poi via via nei sofisti, anche se ciò potrebbe sembrare strano, e poi ancora in Piatone, Aristotele, Epicuro, negli stoici e perfino negli stessi scettici, i quali fanno leva proprio sull'impossibilità dell'adeguazione per sostenere l'impossibilità della conoscenza.
Quest'ultima, così come raggiunge dapprima in Piatone e poi soprattutto in Aristotele la sua definitiva sistemazione concettuale, è costituita da due movimenti: un movimento che va dall'oggetto al soggetto (processo di assimilazione, nel quale l'oggetto si adatta al soggetto) e un movimento che va dal soggetto all'oggetto (processo 'di accomodamento, nel quale il soggetto si adatta all'oggetto). Il risultato di questi due movimenti, convergenti l'uno nell'altro, è la produzione nella mente della verità, che si definisce come adeguazione, riscontrabile solo a livello di giudizio, tra l'intelletto e l'oggetto esistente nella realtà esterna alla mente

Anno
2002
Città
Napoli
Isbn/Issn
9788889094013
Descrizione fisica
444 p. ; 24 cm
Rilegatura
Brossura
Fuori catalogo
Fuori catalogo
COD. 60011
No reviews
Product added to wishlist
Product added to compare.

Edi.na.it fa utilizzo di Cookie.
Per saperne di più e per prenderevisione
dell’informativa dettagliata,
per consultare la Cookie policy
e la privacy GPDR clicca qui.