New product

Solo online Ciclo A - 2013/2014 I Mercoledì delle ceneri - Domenica di Pasqua - 5 marzo - 20 aprile 2014 Expand

Temi di predicazione - Fascicolo 1/2014

Maggiori dettagli

Ciclo A - 2013/2014 I Mercoledì delle ceneri - Domenica di Pasqua - 5 marzo - 20 aprile 2014

2014 - 176 p. ; 23 cm

  • Cartaceo
  • Digitale | PDF
  • Cartaceo + Digitale | PDF

12,00 €

Scarica i fascicoli

Spedizione gratuita in Italia per ordini superiori a 25,00 €
Spedizione in 24h
Spendi ancora 25,00 € per la spedizione GRATUITA!

APPROFITTANE SUBITO! SOLO PER SPEDIZIONI IN ITALIA.

ABSTRACT

Questo numero si riferisce contiene i sussidi per le celebrazioni liturgiche festive dal Mercoledì delle ceneri alla Domenica di Pasqua | 5 marzo - 20 aprile 2014.

Nella Prima parte vi sono i sussidi per la celebrazione (testi liturgici, indicazioni per l’animazione della celebrazione, esegesi dei testi biblici del Lezionario e alcune tracce per l’omelia).

Segue la Seconda parte con i sussidi per i «Primi venerdì»; sono presenti quelli per il mese di marzo e aprile, tutti e due dedicati ad una riflessione sulla Quaresima e alla misericordia di Cristo, sacramento dell’amore del Padre. La rubrica «Ritiri per presbiteri e religiosi» è dedicata all’omelia, con delle riflessioni sui suoi contenuti, sulle sue caratteristiche ed esigenze. Seguono: la rubrica dedicata alla «Pastorale per gli infermi»; un breve suggerimento omiletico sul Lezionario dei defunti, in vista della predicazione liturgica in occasione della celebrazione delle esequie; la rubrica WebEvangelizzo, dedicata all’era digitale di papa Francesco; poi la rubrica «Una finestra sul mondo» con una riflessione sulle implicazioni morali e sociali della mafia; la rubrica «Provare a dire quasi la stessa cosa» con delle riflessioni sulla traduzione di Gv 2,4, così tradotto dalla CEI (2008): «E Gesù le rispose: “Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora”».

Anno2014
CittàNapoli
Isbn/Issn1124-0431
Descrizione fisica176 p. ; 23 cm
RilegaturaBrossura
Accept

sdfgsdfgdfddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddd