New product

Etica, bioetica, e politica. Temi di filosofia aristotelico-tomistica/2 Expand

Fiorentino, FernandoFiorentino, Fernando

Etica, bioetica, e politica. Temi di filosofia aristotelico-tomistica/2

2009 - 368 p. ; 23,5 cm

27,00 €

tasse escl.

Spedizione gratuita in Italia!
Spedizione in 24h

ABSTRACT

Proseguendo il discorso ideale, iniziato con la pubblicazione del primo vo­lume, con il quale l'Autore intende ritornare ai princìpi ispiratori della filosofia aristotelico-tommasiana, con questo egli vuoi mostrare che tale ritorno non va effettuato mediante un appiattimento anacronistico, che farebbe un torto a que­sta stessa filosofia, ma mediante un ritorno che ripensa i problemi di oggi alla luce di quei princìpi, i quali, quanto più sono conservati nella loro formulazio­ne originaria, tanto più se ne coglie la loro immensa fecondità ermeneutica, profondamente umana, ragionevole e positivamente laica, nel momento stesso in cui sono applicati, come si fa in questo secondo volume, ai problemi in cui vive e si dibatte l'uomo moderno. Fra questi problemi, emblematico è quello dell'aborto. Alla luce di quei princìpi, infatti, l'Autore adduce sufficienti argo­menti razionali, senza dover ricorrere necessariamente alla fede, per sostenere che l'aborto, comunque considerato, è sempre un malum. La ragione, per esse­re se stessa nell'integrità della sua rettitudine, non deve necessariamente essere laica. Ogni aggettivo, messo accanto alla ragione, la snatura. L'Autore è in po­lemica con quei laici, meglio laicisti, i quali si sforzano con ogni mezzo di ac­creditare la tesi che la ragione, per procedere rettamente, deve essere antireli­giosa: un'idea che, da Voltaire in poi, ha illuso e continua ad illudere coloro che vedono nella ragione un ottimo strumento ideologico e non uno strumento per cercare la verità, qualsiasi verità, anche quella scomoda.

Anno2009
CittàNapoli
Isbn/Issn9788889094440
Descrizione fisica368 p. ; 23,5 cm
RilegaturaBrossura
Numero collana3
Accept

sdfgsdfgdfddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddd